I 7 MODI IN CUI IL CLOUD PUO' ATTIVARE L'INNOVAZIONE IN AZIENDA

Le 7 leve del Cloud per promuovere innovazione e creare valore all'interno di un'Organizzazione.

Come facilitare la trasformazione del business in un'ottica di maggiore agilità.

Fattore strategico nella trasformazione dell’IT, il Cloud sta diventando una componente sempre più centrale anche per l’evoluzione del business. La nuvola, infatti, oltre ad ottimizzare l’efficienza infrastrutturale ed elaborativa, è in grado di abilitare importanti modelli e processi innovativi all’interno delle imprese, creando nuovo valore. Un potenziale enorme, che sta spingendo il Cloud a un nuovo livello di maturità implementativa.

A testimoniare questo passaggio sono i dati forniti dall’Osservatorio Cloud Transformation elaborato nel 2018 dalla School of Management del Politecnico di Milano (www.osservatori.net): secondo lo studio, l’82% delle imprese medio-grandi italiane ha utilizzato quest’anno almeno un servizio in public Cloud, nel 23% dei casi in maniera estesa su processi core per il business. Inoltre, il 25% di tutti i nuovi progetti ha fatto leva sul Cloud per la propria realizzazione, una scelta obbligata per 6 organizzazioni su 100, convinte che solo così possano riuscire a cogliere appieno tutte le opportunità di innovazione offerte dalla nuvola.

La flessibilità come agente d'innovazione

Sono molte le leve che il Cloud è in grado di attivare per promuovere l’innovazione all’interno delle aziende. La prima è di ordine semplicemente economico ed è collegata alla sua capacità di trasformare i costi fissi in variabili, liberando importanti risorse da destinare allo sviluppo del core business aziendale. In particolare, il suo modello pay-per-use permette alle Organizzazioni di pagare solo per ciò che effettivamente usano, introducendo l’indicatore del livello di servizio come importante parametro di valutazione. 

Il Cloud è, inoltre, in grado di fornire alle aziende una disponibilità di risorse nominalmente illimitata, da utilizzare in modo del tutto scalabile in funzione delle necessità e della crescita del business. Una scalabilità che garantisce, tra l’altro, un time to market decisamente più veloce, consentendo risposte più tempestive ai cambiamenti dei bisogni dei clienti e, più in generale, alle richieste del mercato.

Questa agilità rende le Organizzazioni molto più efficaci, facendo guadagnare loro competitività grazie al costante allineamento dei prodotti, dei processi e dei servizi alle ultime preferenze espresse dai clienti. Non solo: l’estrema flessibilità del Cloud consente alle aziende di fare anche continue sperimentazioni, attivando nuovi progetti secondo la logica del ‘fast fail. In pratica, è possibile testare da subito le nuove idee, accorgersi di cosa non funziona e procedere immediatamente a perfezionamenti e migliorie.

L'aggregazione di dati come abilitatore di business

La capacità del Cloud di attivare innovazione non passa, però, solo dalla sua flessibilità. Trova un caposaldo anche nella possibilità di aggregare informazioni in tempo reale, offrendo così alle aziende l’opportunità di personalizzare i prodotti e i servizi in funzione dei diversi contesti. Una personalizzazione che si traduce inevitabilmente in un incremento di complessità del portafoglio d’offerta, che però mantiene la massima semplicità d’uso dal punto di vista dell’utente.

La possibilità di aggregare informazioni in tempo reale ha, poi, un impatto positivo anche per quanto riguarda la collaborazione. Grazie a questa sua caratteristica, il Cloud è infatti in grado di promuovere nuovi ecosistemi a valore, consentendo la cooperazione con i partner, i clienti e le community attraverso piattaforme di condivisione delle informazioni, delle risorse e dei processi. Un ottimo modo per stimolare l’elaborazione di nuove idee di business e la co-creazione di prodotti e servizi ancora più innovativi.

Le 7 leve d'innovazione del Cloud:

  • Trasformazione dei costi da fissi a variabili
  • Modello pay-per-use che consente di pagare solo per ciò che si utilizza
  • Scalabilità infrastrutturale per business più flessibili
  • Ottimizzazione del time to market per il rilascio tempestivo di prodotti e servizi
  • Possibilità di sperimentare da subito secondo la logica ‘fast fail’
  • Personalizzazione dei prodotti/servizi attraverso dati aggregati in real time
  • Ecosistemi a maggior valore grazie alle piattaforme di condivisione

Leave a comment