Come comunicheremo dopo la pandemia? Forse dovremo ripensare i luoghi di lavoro

Una “nuova normalità”? Chissà. Certo, anche ripetendola più e più volte, quest’espressione proprio non riesce ad essere convincente. Al contrario, evoca un quadro frammentario composto da una serie di interventi correttivi in cui le cose però non funzionano più come prima.

Sui luoghi di lavoro l’incertezza rimane, almeno nel breve periodo, ma una cosa è certa: l’accelerazione che molte aziende hanno imposto nell’ultimo anno al processo di digitalizzazione è inarrestabile. Indubbiamente, l’evoluzione nei luoghi di lavoro per quanto riguarda comunicazione e collaborazione continuerà e, grazie agli strumenti della famiglia Microsoft 365, le migliori tecnologie ora sono alla portata di tutti, scalabili, flessibili e facili da usare.

Rivoluzioniamo la comunicazione

Sicuramente il lockdown ha contribuito all’affermazione del lavoro a distanza. E il fatto che i dipendenti possono rimanere connessi facilmente a colleghi e clienti non lascia alle aziende motivi per cui essere contrarie, anche perché non è più davvero necessario incontrarsi di persona e si può molto più facilmente comunicare in modo virtuale.

Certo, alcuni problemi rimangono aperti, in particolare le spese in conto capitale (con la necessità di nuove attrezzature), la capacità di rete (con tutti gli utenti che devono potervi accedere) e la sicurezza e la conformità al GDPR, solo per citarne alcuni tra i tanti legati al cloud e all’infrastruttura.

Questa “rivoluzione nella comunicazione” porta con sé anche altri problemi, tra cui la crescita costante del numero degli strumenti, oltre che dei prodotti e servizi che rendono possibile comunicare e collaborare in tempo reale. Si tratta di una difficoltà che riguarda tanto le piccole e medie imprese quanto le grandi. Perché? Perché anche se l’offerta è ampia – dalla videoconferenza, le chiamate audio e la messaggistica, alla gestione delle informazioni e dei documenti – non ci sono tante piattaforme integrate “tutto in uno”. Le poche disponibili presentano anche una curva di apprendimento piuttosto ripida e richiedono un approccio del tutto nuovo per potersene servire appieno.

Soluzioni a prova di futuro

L’accelerazione impressa inizialmente al percorso di digitalizzazione è tuttora in atto, ma molte aziende sono ancora agli inizi, mentre altre, con l’esplosione della pandemia, sono passate al cloud alla velocità della luce. E se questo ha dimostrato che una risposta fulminea era anche possibile, molti stanno ancora valutando i rischi associati a una transizione veloce.

Non si può ignorare, poi, che anche le esigenze delle aziende cambiano. Questo significa che, al momento di scegliere il software su cui investire, le aziende guardano a soluzioni che possano crescere e cambiare con loro, a prova di futuro. Non vuol dire perciò comprare qualcosa solo perché è “nuova e luccicante”, ma puntare su flessibilità e scalabilità, quindi, essenzialmente, soprattutto su soluzioni SaaS: piattaforme cloud accessibili a chiunque, ovunque, da qualsiasi dispositivo, ovviamente con le dovute credenziali.

L'ascesa di Microsoft Teams

Se Microsoft Teams, per esempio, continua a crescere la ragione è semplice: è una piattaforma di comunicazione integrata che offre tutti gli strumenti essenziali per un luogo di lavoro moderno, quali:

  • chat, per comunicare e collaborare con i colleghi;
  • condivisione dello schermo e registrazione, per condividere facilmente il proprio schermo e registrare una riunione;
  • videoconferenza, per fare riunioni usando le funzionalità integrate di chiamata audio e video;
  • eventi live e webinar, per organizzare presentazioni in tempo reale con i colleghi, il pubblico o i clienti.

Trattandosi di una soluzione SaaS, i titolari della licenza sanno che potranno sempre disporre della versione più aggiornata e funzionante. Inoltre, gli aggiornamenti sono rilasciati automaticamente.

Ma forse la parte migliore sta nel fatto che Teams fa parte di Microsoft 365, il che vuol dire che si integra alla perfezione con Office, in particolare con strumenti già ampiamente noti e diffusi come Word, Excel, PowerPoint, SharePoint, Outlook ecc. Perciò, la curva di apprendimento è pressoché piatta grazie alla consueta e familiare interfaccia utente Microsoft.

Guardare avanti

Guardando al futuro, è chiaro che il grado di sofisticatezza delle tecnologie di comunicazione e collaborazione non farà che aumentare. Per esempio, 3D e realtà virtuale (VR) miglioreranno aggiungendo nuove dimensioni agli strumenti di videoconferenza, anche se, in questo momento, non aggiungono ancora particolare valore al modo di comunicare.

Ci sono anche questioni più urgenti da affrontare come capacità, stabilità e latenza che interessano la tecnologia di back-end, anche se Teams sfrutta la rete di Microsoft Azure per collegare gli utenti.

Microsoft collabora con migliaia di fornitori di servizi Internet, il che vuol dire che i salti di rete sono ridotti al minimo e questo permette di ottimizzare la qualità dei meeting virtuali.

Cosa può fare SoftJam per voi?

SoftJam è un Gold Partner Microsoft e ha ottenuto una specializzazione avanzata in “Calling for Microsoft Teams” e in “Adoption e Change Management”. Questo vuol dire che abbiamo una profonda conoscenza e una vasta esperienza nell’implementazione delle soluzioni Microsoft per il modern workplace.

I nostri advisor sono pronti ad illustrarvi le soluzioni disponibili e a consigliarvi come utilizzare al meglio Microsoft Teams e i prodotti della famiglia Microsoft 365.

Per ulteriori informazioni o per fissare una sessione di consulenza con i nostri esperti, contattateci a sales@softjam.it.

Post Correlati

Leave a comment